Wired – Seeds&Chips 2017

Gruppo CAP sponsorizza Water Wells per l'edizione 2017 di Seeds&Chips
Seeds&Chips 2017 – Gruppo CAP sponsorizza Water Wells
12 maggio 2017
Le imprese vincitrici del premio Chiave a Stella allo stand API Torino presente al Salone del Libro
Premio Chiave a Stella 2017
25 maggio 2017
Si parla di Water Wells su Wired Italia
 
Modello in scala Water Wells
 

Il Futuro dell’Agricoltura è arrivato

L’agricoltura ha da sempre fame di dati per migliorare le proprie prestazioni. Per secoli sono state interrogate le fasi lunari per avere un raccolto più propizio. Adesso gli oracoli dei contadini rispondono al nome di internet delle cose, big data, robotica, intelligenza artificiale e sono più affidabili. Tanto che l’agricoltura di precisione è diventata una branca promettente per chi vuole fare affari con la terra. La società di consulenza Roland Berger, in un rapporto del 2015, calcola che dal 2014 al 2020 la spesa per il precision farming nel mondo raddoppi, da 2,3 miliardi di euro a 4,5 miliardi e migliorare le rese dei terreni, visto che entro il 2050 la popolazione mondiale dovrebbe raggiungere quota 9 miliardi di persone. Negli Stati Uniti, dove la tecnologia ha un’adesione precoce, il tasso di crescita è del 5%, mentre in Europa si registrerà un aumento del 15%, in Asia del 21% e in Sud America del 20%.

Nel quinquennio 2015-2020, secondo Roland Berger, si svilupperanno in particolare sistemi automatici di coltivazione, i droni, i sistemi di monitoraggio dei campi, la sensoristica sul suolo. Per la società di consulenza le masse di dati raccolte alimenteranno nuovi sistemi di previsione e pianificazione delle culture e intere schiere di robot agricoli entro il 2030.

Ora, però, l’urgenza principale è risparmiare. E fornire soluzioni semplici, che anche i più reticenti o poco avvezzi alla tecnologia possa essere interessati ad adottare.

Water Wells

Un contadino sta testando il sistema per pozzi d’acqua di Water Wells, startup incubata dal Politecnico di Torino. In genere i pozzi hanno un tubo di mandata dove scorre l’acqua che una pompa spinge verso l’alto. Il tubo di mandata ha, secondo Water Wells, un peccato originale. “Riduce l’efficienza del sistema”, spiega Stefano Stracquadanio, ricercatore. “La tubatura inoltre genera batteri e richiede costanti sanificazioni”, precisa Stracquadanio. La startup ha rinunciato alla tubazione, agganciando la pompa a una catena. “Dato che la pompa deve lavorare di meno, perché il tubo ha maggiore capacità, si risparmia dal 10% al 60% in bolletta”, è la conclusione di Water Wells. Dopo aver installato i primi pozzi brevettati in una società imbottigliatrice, Drink Cup, e in uno dell’acquedotto di Perugia, Water Wells ha avviato una partnership con Cap Holding, che gestisce il servizio idrico in provincia di Milano. Il test partirà da Melegnano.

Leggi l’articolo completo ai seguenti link:

https://www.wired.it/economia/business/2017/05/08/idee-agricoltura-precisione/